L’INFEZIONE DA CITOMEGALOVIRUS IN GRAVIDANZA

0
169
citomegalovirus

COS’E’ IL CMV?

Il  Citomegalovirus è un virus a DNA che appartiene alla famiglia degli Herpesvirus.

Nei soggetti immunocompetenti, l’ infezione che ne deriva si risolve quasi sempre in breve tempo e senza l’ ausilio di farmaci, decorrendo infatti, in modo asintomatico o con sintomatologia aspecifica (cefalea, malessere, febbriccola. rinite, tosse, artromialgie). 

QUAL E’ IL RISCHIO DI TRASMISSIONE MATERNO-FETALE?

L’ infezione congenita da Citomegalovirus (CMV) avviene per trasmissione verticale dalla madre al feto. Il tasso di trasmissione è pari a circa il 40-50% quando l’ infezione materna è primaria, mentre è assai più ridotto (0,5-2%) quando l’infezione materna è secondaria ad una riattivazione del virus.

COSA CAUSA L’ INFEZIONE FETALE DA CMV?

Per la maggioranza dei neonati che acquisiscono l’ infezione, essa sarà asintomatica, ma nel 10% circa dei neonati infetti si riscontreranno sequele neurologiche, in particolare un difetto uditivo che si può sia rilevare alla nascita sia manifestare tardivamente.

Qual’è il rischio per una donna di contrarre un’infezione in gravidanza?

La maggior parte della popolazione acquisisce l’ immunità già alla nascita o nei primi giorni di vita attraverso l’allattamento. Fonte di contagio per gli adulti non immuni è rappresentata dal contatto con la saliva ed urine di soggetti infetti.

Gli adulti  eliminano il virus quasi esclusivamente tramite la saliva, mentre i bambini attraverso le urine.

Ne deriva che i maggior luoghi di contagio sono le piscine, gli asili nido, le scuole materne o l’ ambiente familiare.

Come si diagnostica un’infezione da CMV?

La diagnostica di infezione di basa sul dosaggio delle IgG e IgM specifiche. Tuttavia  i risultati vano interpretati con cautela.

Cosa può fare una donna in gravidanza per prevenire l’ infezione da CMV?

  • Non condividere  con i bambini stoviglie, asciugamani e strumenti per l’ igiene( es. lo spazzolino),
  • Non portare alla bocca oggetti che il bambino potrebbe aver messo in bocca
  • Non baciare i bambini sulla bocca
  • Lavarsi accuratamente la  mani dopo aver cambiato il pannolino di un neonato, soffiato il naso di un bambino, lavato la biancheria sporca, toccato i giocattoli
  • Indossare i guanti e successivamente lavarsi le mani quando deve eseguire una manovra a rischio di contatto con secrezioni o materiale biologico potenzialmente infetto.

E’ possibile curare l’ infezione da CMV in Gravidanza?

Recentemente, uno studio clinico controllato ha mostrato come il trattamento di donne gravide con immunoglobuline specifiche sia sicuro e riduca dal 40 al 16% il tasso di trasmissione materno-fetale.

PER ULTERIORI INFORMAZIONI CONTATTACI


Richiedi Supporto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui