Ipertensione Gestazionale :tieni la pressione sotto controllo!

0
40
ipertensione gravidanza

ipertensione  gestazionale

E’ opportuno controllare la pressione arteriosa durante tutta la gravidanza!

IPERTENSIONE CRONICA:

Ipertensione (pressione sistolica >140 mmHg o pressione diastolica >90 mmHg) , rilevata prima della 20a settimana gestazionale o prima della gravidanza.

Si parla di ipertensione grave se >180 mmHg / 110 mmHg.

L’ obiettivo della terapia è riportare la pressione ai limiti della norma. I farmaci di prima scelta che utilizzerà il medico sono: a-metildopa, labetalolo, nifidipina. Sono controindicati i diuretici e gli ace inibitori.

IPERTENSIONE GESTAZIONALE:

Ovvero: (pressione sistolica >140 mmHg o pressione diastolica >90 mmHg) riscontrata dopo la 20a settimana , senza proteinuria. 

Se ad essa si aggiunge l’ edema diffuso del corpo o la presenza di proteinuria > 300 mg/24 ore si fa diagnosi di preeclampsia.

La terapia causale della preeclampsia è l’ espletamento del parto, ma se l’ epoca gestazionale è < a 34 settimane gestazionali si preferisce attuare una condotta di attesa, tranne in caso di : sofferenza fetale acuta, grave compromissione epatica, renale o neurologica.

Monitoraggio:

  • Materno: riposo a letto, monitoraggio pressione ogni 4-6 ore, peso corporeo quotidiano, controllo diuresi e proteinuria, controllo degli esami emato-chimici prescritti dal medico (tra cui ad esempio emocromo, LDH, creatinemia, uricemia, transaminasi, esami urine , uricemia e piastrine).
  • fetale: controllo crescita fetale, benessere biofisico fetale.

Quando compaiono convulsioni o stato di come in una donna in gravidanza o subito dopo il parto con segni e sintomi di preeclampsia si parta di eclampsia.

I cardini   della terapia dell’ eclampsia sono: stabilizzare le condizioni materne, prevenire altre crisi convulsive, trattare l’ eventuale edema cerebrale e gli eventi tromboembolici.

Potenziali Conseguenze:

L’ipertensione in gravidanza può associarsi a prematurità, restrizione della crescita intrauterina, distress fetale, scarsa quantità di liquido amniotico, nonchè morte fetale.

In alcuni casi può manifestarsi preeclampsia (associazione  di edema e proteinuria), distacco di placenta, emorragia cerebrale, danno renale.

Ecco consigli utili per prevenire l’ ipertensione gestazionale e con essa i disturbi sopra citati.

PER ULTERIORI INFORMAZIONI CONTATTACI


Richiedi Supporto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui